2012 – Testo critico di Rocco Mandalari

“Leda e il cigno”

Il dipinto ritrae una donna, Leda, che si accoppia con un cigno, Zeus, su un manto erboso che scivola su un corso d’acqua corrente. In questa scena pittorica irrompe tutta la sensualità della figura femminile, che si abbandona all’amore di Zeus. L’eros è il soggetto principale, l’unione antropozoica è il suo tramite, in una rappresentazione fantastica sapientemente elaborata. Lo sguardo di Leda sembra assente, esanime, poiché, raggiunto l’apice del piacere sensuale, abbandona il regno dei vivi per collocarsi in quello del mito. Zeus veste i panni del cigno, non per ingannare la sua amata, né per oltraggiare i sentimenti di lei, ma per condurla in una dimensione meta-umana.

li, 26 agosto 2012 Rocco Mandalari

(Poeta, scrittore, critico d’arte)